Chi Siamo

L’AIDLR (organizzazione non governativa riconosciuta presso l’ONU ed il Consiglio d’Europa), ha sede a Berna e, pur essendo presente in diversi Paesi europei e africani, è ben organizzata in Francia, Belgio, Canada, Germania, Austria, Svizzera, Spagna, Portogallo, Romania.

SCOPI DELL'ASSOCIAZIONE

INVITARE
tutti coloro che sono animati da un ideale di libertà, senza distinzione di razza, di sesso, di lingua, di religione o di convinzione, a partecipare a questa crociata contro l’intolleranza e il fanatismo in tutte le loro manifestazioni.

VALORIZZARE
la dignità umana affinché ogni individuo acceda, sotto ogni punto di vista, a una vera esistenza e a uno sviluppo del proprio essere, per scoprire la sua vera identità.

SALVAGUARDARE
dovunque nel mondo la libertà di religione o di convinzione.

CREARE
un clima di maggior comprensione e di rispetto reciproco tra gli uomini di ogni fede e convinzione, per aiutare l’umanità a risolvere i grandi problemi della pace, della libertà, della giustizia.

L’Associazione Internazionale per la Difesa della Libertà Religiosa

Nel 1946 il dottor Jean Nussbaum diede vita all’Association Internationale pour la Défense de la Liberté Religieuse (AIDLR). Ben presto furono organizzate varie sezioni nazionali; nel nostro Paese venne costituita nel 1973 la sezione italiana. L’AIDLR, che attualmente ha sede a Berna, pur essendo presente in diversi Paesi europei e africani, è ben organizzata in Francia, Belgio, Canada, Germania, Austria, Svizzera, Spagna, Portogallo, Romania. Essa è riconosciuta con statuto consultivo presso l’Onu, l’Unesco e il Consiglio d’Europa.

SCOPI DELL'ASSOCIAZIONE:

GLI SCOPI DELL’ASSOCIAZIONE SONO I SEGUENTI:

  1. Invitare tutti coloro che sono animati da un ideale di libertà, senza distinzione di razza, di sesso, di lingua, di religione o di convinzione, a partecipare a questa crociata contro l’intolleranza e il fanatismo in tutte le loro manifestazioni.
  2. Valorizzare la dignità umana affinché ogni individuo acceda, sotto ogni punto di vista, a una vera esistenza e a uno sviluppo del proprio essere, per scoprire la sua vera identità.
  3. Salvaguardare dovunque nel mondo la libertà di religione o di convinzione.
  4. Creare un clima di maggior comprensione e di rispetto reciproco tra gli uomini di ogni fede e convinzione, per aiutare l’umanità a risolvere i grandi problemi della pace, della libertà, della giustizia.

L’Associazione opera in più direzione organizzando, da sola o in collaborazione con altre ONG, in modo particolare l’IRLA (International Religious Liberty Association), congressi mondiali, internazionali, regionali, convegni simposi, pubblicazioni. Fra le occasioni più importanti si ricordano i congressi mondiali sulla libertà religiosa organizzati nelle varie aree del mondo.

COSCIENZA E LIBERTA'

Organo dell’Associazione è la rivista “Coscienza e Libertà” che si prefigge i seguenti scopi:

  1. Valorizzare la natura, l’estensione e l’importanza della libertà in materia di religione.
  2. Presentare i fondamenti filosofici e teologici.
  3. Descrivere lo svolgimento storico della lotta per conquistare questa libertà.
  4. Mostrare le conseguenze giuridiche, sociali e politiche di questo principio.
  5. Informare presentando documenti originali e rigorose informazioni.
  6. Aiutare gli uomini a meglio comprendersi allo scopo di stabilire tra loro una collaborazione più efficace per consolidare la giustizia e la pace.

Questa rivista viene pubblicata in diverse lingue: francese (semestrale), inglese (semestrale), tedesco (semestrale), italiano (annuale), spagnolo (annuale), portoghese (annuale), serbo e croato (annuale). La rivista viene distribuita a livello internazionale riscuotendo da varie parti del mondo consensi e apprezzamenti.

COMITATO D'ONORE

L’Associazione ha un comitato d’onore che vanta fra i suoi presidenti uomini e donne riconosciuti a livello mondiale: Eleanor Roosvelt (dal 1946 al 1962), Albert Schweitzer (dal 1962 al 1965), Paul Henri Apaak (dal 1966 al 1972), René Cassin (dal 1972 al 1976), Edgard Faure (dal 1976 al 1988) e Léopold Sedar Senghor (dal 1989 al 2001) e Mary Robinson (dal 2003). I segretari generali dell’Associazione sono stati: il dott. Jean Nussbaum (dal 1946 al 1966), il dott. Pierre Lanarès (dal 1966 al 1983), il dott. Gianfranco Rossi (dal 1983 al 1995), il dott. Maurice Verfaillie (dal 1995 al 2005) e il dott. Karel Nowak (dal 2005).

Per la sezione italiana, il dott. Gianfranco Rossi è stato Segretario nazionale dal 1973 al 1981, il past. Ignazio Barbuscia dal 1982 al 1995, il past. Daniele Benini dal 1995 al 1999, la sig.a Dora Bognandi dal 1999. L’Associazione ha adottato una dichiarazione dei principi che esprime tutta la sua filosofia.