Un favore che ti faccio* – Gabriele Giaffreda – n. 51 – anno 2015

E tu la tieni? Fammi capire: non l’avete licenziata? Una domestica è sempre una domestica. Le dai le chiavi di casa. Apre i cassetti. Mette le mani negli armadi. Ci hai pensato a tutto questo? Io fossi in te non dormirei tranquilla. Un’ebrea in casa? Un’ebrea che ascolta i discorsi. Poi li va a ridire a quelli come lei. Lo sai che sanno tutto di tutti? Che parlano fra loro? Si dicono le cose! Sono legati, come una setta. Tuo marito ha una posizione. Ti prendi il rischio ...
Altro

Libertà religiosa in Italia. Le criticità (1) – Tiziano Rimoldi – n. 51 – anno 2015

Introduzione Mentre mi accingo a fare una breve e non esaustiva carrellata delle criticità, vorrei prima abbozzare un’ottica di lettura complessiva delle problematiche attuali relative al pieno godimento in Italia della libertà di pensiero, di coscienza e di religione. Non c’è dubbio che l’ennesima tragica ferita provocata dal nefasto terrorismo «religiosamente qualificato», quella degli eventi sanguinosi di Parigi e danesi di pochi mesi fa, abbia fatto salire di una tacca la tensione che...
Altro

La narrazione oltre i pregiudizi. I racconti come mezzo per modificare gli atteggiamenti negativi nei confronti di qualsiasi forma di diversità – Laura Ferraresi – n. 51 – anno 2015

Non si parla mai abbastanza del pregiudizio e delle forme che può assumere, ma soprattutto poco si fa per trovare modi nuovi per superarlo e dare vita a una società in cui la diversità sia una forma di arricchimento e non motivo di discriminazione. Si è scoperto, grazie alle numerose ricerche nell’ambito della psicologia sociale, che la pervasività delle diverse forme di pregiudizio nei bambini di età inferiore ai dieci anni è ormai ben consolidata (1). Vi è ora una prova incontrovertibil...
Altro

Una prospettiva ebraica sull’islamofobia* – Joseph Levi – n. 51 – anno 2015

Le persone di buona volontà, che per anni parlano della pace e della possibilità   di dialogo fra le religioni, conoscono momenti in cui devono fare i conti con la realtà, riuscire a non farsi influenzare dalle violenze che si vedono ovunque e non deviare dalla propria convinzione e dalla propria strada del dialogo e della pace. Penso che questa sia una sfida di tutte le religioni e di tutte le fedi. A volte, dico che è un paradosso incluso nella stessa rivelazione divina quando una persona,...
Altro

Problemi e prospettive per l’islam in Italia* – Izzedin Elzir – n. 51 – anno 2015

Parto dalla domanda: «Esistono gli estremisti?». È un dato di fatto e, ringraziando il Signore, sono una piccola realtà, che si parli di un estremista cattolico, musulmano, ebreo, non credente o diversamente credente. Sottolineo che sono una piccola minoranza, solo che hanno una voce altissima. Torno però al tema in oggetto, «Problemi e prospettive per l’islam in Italia», anche se preferisco dire «dell’Italia», perché ci consideriamo cittadini italiani di fede musulmana. Per diversi motiv...
Altro

Islamofobia – Mohammed Bamoshmoosh – n. 51 – anno 2015

Vorrei ringraziare gli organizzatori di questo incontro perché hanno voluto trattare un tema simile. In Europa, e forse anche in altre parti d’Italia, d’islamofobia si è parlato, però qui, a mia conoscenza, non si era ancora trattato questo argomento. Gli organizzatori sono andati alla radice del problema, con lo scopo di disabilitare alle origini il pregiudizio. In un primo momento, leggendo il titolo generale, avevo sbagliato l’accento: invece di «disabilita il pregiudizio» ho letto «di...
Altro

Pregiudizi e islamofobia. I musulmani in Europa – Mostafa El Ayoubi – n. 51 – anno 2015

L’immigrazione ha notevolmente mutato il tessuto sociale dei paesi che compongono il «Vecchio Continente». Nonostante le paure e i pregiudizi, i migranti provenienti da diverse parti del mondo costituiscono, con il loro bagaglio umano, una grande risorsa e la linfa che potrebbe dare vitalità e dinamicità a questo tessuto demograficamente e culturalmente in stallo. Oggi, in diversi paesi dell’Unione europea, tra i quali la Germania, il Regno Unito, la Francia e la Spagna, l’incidenza degli...
Altro

Islam e modernità. Uno scontro inevitabile? – Marco Bontempi – n. 51 – anno 2015

Questo titolo è felice, perché contiene elementi che meritano di essere resi evidenti in quanto riassumono alcune delle credenze più diffuse. Credenze che, però, non sono corrispondenti alla ricchezza e complessità della realtà. Vediamole: -     Islam e modernità sono pensati come due realtà differenti e intrinsecamente incompatibili, se si è l’uno non si può essere l’altra. La parola scontro invita a questo tipo di pensiero. Il celebre titolo di un vecchio articolo del politologo amer...
Altro

La (presunta) fine del multiculturalismo e il liberalismo muscolare* – Domenico Melidoro – n. 51 – anno 2015

Il punto di partenza per chiunque voglia discutere di multiculturalismo in questo momento storico è la constatazione che il fenomeno di cui si sta occupando non attraversa un periodo di fioritura. «Morte», «fine», «crisi», «backlash», «tramonto» sono i termini associati di frequente al multiculturalismo. A mio avviso, come sosterrò in questo breve scritto, il discorso sulla fine del multiculturalismo non corrisponde a realtà per quanto riguarda le politiche pubbliche multiculturali. Inoltre,...
Altro

Governance,non discriminazione e minoranze religiose nell’UE (1)- Jaime Rossel Granados – n. 51 – anno 2015

Introduzione Negli ultimi decenni, in seguito al processo di migrazione, tra gli altri fattori, l’Unione europea (UE) è diventata una società multi religiosa, lontana dall’egemonia cristiana. Questa realtà ha determinato la nascita di varie situazioni che derivano dall’esercizio della libertà religiosa, sia a livello individuale sia di gruppo, e coinvolge l’evoluzione dei diversi sistemi giuridici nazionali. Ma la domanda che credo si ponga oggi, in Europa, non è se il diritto alla libert...
Altro